sabato 25 ottobre 2014

Review of the Week #54 Chocolat - Joanne Harris





Buon Giorno a tutti! Come state? Io avrei ancora tutti i post di Halloween da creare, ma va bè, oggi penso mi prendere un giorno libero dal blog (sto pianificando questi post ù.ù). Se più tardi riesco a collegarmi, magari farò in modo di scrivere qualcosa ma ne dubito... vedremo un po'! Vi lascio al post ^^ 


Review of the Week è una rubrica a cadenza settimanale, postata solitamente il sabato, nella quale si recensisce un determinato libro letto in precedenza, con annessa votazione.


Questa settimana: Chocolat di Joanne Harris






Titolo Chocolat
Autore Harris Joanne
Prezzo     € 9,90
Dati 2012, 338 p., rilegato
Traduttore Grandi L.
Editore Garzanti Libri  (collana Super Elefanti bestseller)

A Lansquenet, quieto villaggio al centro della Francia, la vita scorre placida. Un po' troppo placida: è una comunità chiusa, dove sono rimasti soprattutto anziani contadini e artigiani, dominata con rude benevolenza dal giovane curato Francis Reynaud. È martedì grasso - una tradizione pagana avversata dalla chiesa - quando nel villaggio arrivano Vianne Rocher e la sua giovane figlia Anouk. La donna è assai simpatica e originale, sexy e misteriosa, forse è remissaria di potenze superiori (o magari inferiori). Vianne rileva una vecchia pasticceria, ribattezzata "La Celeste Praline", che ben presto diviene - agli occhi del curato - un elemento di disordine. Anche perché Vianne non frequenta la chiesa ma inizia ad aiutare a modo suo chi si trova in difficoltà: il solitario maestro in pensione Guillaume, l'adolescente ribelle Jeannot, la cleptomane Josephine, l'eccentrica Armande. Ben presto il tranquillo villaggio diventa più disordinato, ribelle e soprattutto felice. E lo scontro tra Benpensanti e Golosi, tra le delizie terrestri offerte da Vianne e quelle celesti promesse da padre Reynaud, tra Carnevale e Quaresima, diventa inevitabile.



La mia recensione:
Vianne e sua figlia Anouk non hanno una dimora fissa, sono nomadi. Si fermano nel villaggio di Lansquenet, in Francia e decidono di stabilircisi. Vianne è una maga per quanto riguarda il cioccolato, e non solo. Infatti, riesce a capire, solo guardando una persona, quale è il suo dolce preferito. Ben presto però si accorgerà che questa sua caratteristica, oltre alle altre differenze con il resto degli abitanti del paese, non sono viste di buon'occhio.
Volevo leggere questo libro da così tanto! Appena sono passata in biblioteca, ed era disponibile, ho dovuto prenderlo, . Inoltre, dovevo leggerlo anche per la collaborazione con Francy, ma questa è un'altra storia.
Quando l'ho cominciato non sapevo se mi sarebbe piaciuto in tutte le sue parti o se in alcune mi sarei annoiata. Il film mi aveva lasciata abbastanza positivamente, ma ero timorosa del fatto che il libro si sarebbe rivelato pesante. Devo ammettere, invece, che mi è piaciuto. 
La storia raccontata è originale, interessante e, secondo la mia opinione, raccontata molto bene. Non credo che questo possa essere descritto come un romanzo a due voci, ma in parte è così. Oltre al punto di vista della protagonista, Vianne, ogni tanto spunta anche quello del giovane curato Francis Reynaud; e si tratta di due voci distinte nel vero senso della parola: il tipo di narrazione, il modo di esprimersi e di raccontare è diverso in base al personaggio. Ho percepito veramente questa differenza. Inutile dire che i capitoli del curato erano molto più lenti, no?
Il modo di raccontare di Vianne è ricco di dettagli, ricco di riferimenti alla cucina e alla pasticceria. Molte volte mi è sembrato di assaporare i dolci o di sentire i profumi della cucina (per la mia dieta non è stato piacevole però :P). 
Mi sono piaciuti tanto i personaggi, descritti molto bene, con le loro storie, intrecciate tra loro. Conosciamo le storie di ognuno di loro, le loro sofferenze.
Ho apprezzato questo libro perchè permette di conoscere la mentalità che spesso caratterizza gli abitanti dei piccoli paesi, chiusi di mente, bigotti, diffidenti. Ed insegna a guardare oltre le apparenze, a conoscere le persone, le loro idee, prima di giudicare; perchè ciò potrebbe rivelasi una sorpresa.
Consiglio questo romanzo a tutti, ai golosi, a curiosi, ai romantici. 
Un romanzo evocativo che merita una possibilità.


La mia votazione:



Questa è la mia recensione. Spero davvero vi piaccia o vi sia utile, perchè, anche se non si vede, mi sono impegnata molto nello scriverla :) Io vi lascio con le solite domande, ovvero farmi sapere se l'avete letto o se, come me, avete curiosità nel farlo! :) Lasciatemi le vostre impressioni se vi va, e vi invito a ripassare più tardi per curiosare nel post di Halloween! :D Buon Weekend!
Ika.

Nessun commento:

Posta un commento

Se ti va lasciami un commentino, a me fa sempre piacere sapere cosa pensi! ♥